Videosorveglianza pubblica: efficacia e percezioni

videosorveglianza pubblica

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

La videosorveglianza è lo strumento tecnologico a cui, più frequentemente, fanno ricorso le amministrazioni locali.

Tale scelta è motivata soprattutto dal proposito di ridurre la criminalità di un determinato territorio e dall’obiettivo di migliorare la percezione di sicurezza nella popolazione.

Ma come si può valutare l’effettiva efficacia di un sistema di videosorveglianza pubblico?

Dalla tipologia di reato, in primis. La funzione di deterrenza riguarda principalmente i reati di tipo “strumentale”: furti o rapine.

Si ha un’efficacia nel prevenire i crimini contro le proprietà (autoveicoli). Nei reati di tipo “espressivo”, invece, quali le aggressioni o i danneggiamenti, i benefici sembrano più contenuti.

Altro fattore che influenza l’efficacia è la dimensione dello spazio.

Le videocamere risultano sicuramente più utili nel momento in cui vengono posizionate in luoghi con aree ben determinate dove gli ingressi sono circoscritti e non dove si hanno più vie di accesso e di fuga.

Ma che tipo di percezione hanno i cittadini?

L’introduzione delle telecamere, spesso, viene interpretata coma una prova maggiore della pericolosità del territorio.

Da non sottovalutare, sono anche gli effetti che si producono sulla privacy e che incidono su una potenziale discriminazione di gruppi sociali già criticati.

Considerato tutto ciò, il ricorso alla videosorveglianza va sicuramente fondato su una progettualità complessiva e su una strategia ben ragionata sia per la sicurezza sia per la prevenzione. Inoltre, si devono esaminare con cura gli usi cui il sistema è diretto. Si ha poi la necessità di definire anticipatamente gli obiettivi specifici del sistema e i mezzi organizzativi e umani per la disposizione degli stessi. Una volta fatto ciò, l’amministrazione locale ha il dovere e l’obbligo di coinvolgere il cittadino, comunicando le sue intenzioni e spiegando il perchè di tali scelte: puntare sulla sicurezza di ogni singolo e non su un controllo spasmodico della comunità.

FONTE: www.fisu.it

 

Ci siamo specializzati nella produzione di sistemi sicurezza ad alta tecnologia. Come possiamo aiutarti?

Premendo il pulsante, accetti la informativa sulla privacy

Altri articoli

Blog

Se il dipendente abusa dei permessi “Legge 104”, lecito ricorrere agli investigatori privati per controllare le condotte extra lavorative

Con l’ordinanza n. 4670/2019, depositata il 18 febbraio 2019, la Corte di cassazione torna a pronunciarsi con decisione sul licenziamento del dipendente che invece di impiegare le ore di permesso “104” nell’assistenza del familiare le dedichi invece ad attività personali, confermando come una simile condotta sia idonea a ledere definitivamente il vincolo fiduciario indispensabile alla

Blog

Il lavoratore può essere controllato da remoto, ma deve essere informato.

La nuova disciplina dei controlli sul lavoro ha segnato una svolta nell’approccio a questa controversa problematica. Da un lato, ha ridimensionato il ruolo delle autorizzazioni sindacali o amministrative, esentando le imprese dal richiederle per installare gli strumenti strettamente finalizzati al lavoro. Dall’altro, ha osato prevedere che le informazioni acquisite tramite strumenti autorizzati o esentati sono

Do You Want To Boost Your Business?

drop us a line and keep in touch

Dove vuoi che ti richiamiamo?

Premendo il pulsante, accetti la
informativa sulla privacy

Grazie, ti richiamiamo al piú presto!

sei invece hai fretta chiamaci al numero: