Tutelarsi dai furti di rame

furti rame

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

I sostenitori delle energie rinnovabili dichiarano che nel giro di 20 anni, ci sarà una crescita annuale del 15% circa.

Questa forte crescita però, attira l’attenzione dei criminali: il prezzo del rame è aumentato vertiginosamente.

I furti di rame, infatti, continuano a rappresentare un grande problema che mette in difficoltà le aziende: i costi per un impianto di videosorveglianza sono sicuramente un elevato investimento iniziale, ma sono di gran lunga inferiori ai danni che potrebbero derivare da un furto.

La soluzione ottimale per ogni parco eolico, ad esempio, andrebbe vista caso per caso, ma possiamo indicare alcune soluzioni generali:

  • per una turbina singola vicino ad una proprietà è maggiormente indicata una tecnologia di chiusura e porte molto resistenti;
  • per molte turbine eoliche in zone isolate si potrebbe pensare ad un sistema di allarme antintrusione combinato alla videosorveglianza.

 

Inoltre, un sistema di registrzione e trasmissione abilitato via IP può offrire molti vantaggi, quali la possibilità di usare un’ infrastruttura IT già esistente, utilizzabile per tutte le attività di controllo in contemporanea. Oltre a ciò, si dovrebbe prevedere un sistema di videosorveglianza collegato alla Stazione di Monitoraggio (utilizzabile anche sugli smartphone) per poter controllare velocemente ciò che succede nel parco e nelle zone limitrofe.

Con l’utilizzo di un sistema di sicurezza integrato, quindi, i parchi possono essere protetti efficacemente.

FONTE: http://www.secsolution.com/news.asp?t=Riviste_aes_Italy

Ci siamo specializzati nella produzione di sistemi sicurezza ad alta tecnologia. Come possiamo aiutarti?

Premendo il pulsante, accetti la informativa sulla privacy

Altri articoli

Blog

Se il dipendente abusa dei permessi “Legge 104”, lecito ricorrere agli investigatori privati per controllare le condotte extra lavorative

Con l’ordinanza n. 4670/2019, depositata il 18 febbraio 2019, la Corte di cassazione torna a pronunciarsi con decisione sul licenziamento del dipendente che invece di impiegare le ore di permesso “104” nell’assistenza del familiare le dedichi invece ad attività personali, confermando come una simile condotta sia idonea a ledere definitivamente il vincolo fiduciario indispensabile alla

Blog

Il lavoratore può essere controllato da remoto, ma deve essere informato.

La nuova disciplina dei controlli sul lavoro ha segnato una svolta nell’approccio a questa controversa problematica. Da un lato, ha ridimensionato il ruolo delle autorizzazioni sindacali o amministrative, esentando le imprese dal richiederle per installare gli strumenti strettamente finalizzati al lavoro. Dall’altro, ha osato prevedere che le informazioni acquisite tramite strumenti autorizzati o esentati sono

Do You Want To Boost Your Business?

drop us a line and keep in touch

Dove vuoi che ti richiamiamo?

Premendo il pulsante, accetti la
informativa sulla privacy

Grazie, ti richiamiamo al piú presto!

sei invece hai fretta chiamaci al numero: