sicurezza e videosorveglianza HD stadio

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Il sistema di controllo negli stadi dovrebbe essere integrato a tutti i vari sistemi presenti all’interno di esso: dalla sicurezza agli impianti antincendio.

Una piattaforma comune consentirebbe di avere tutti i controlli su un unico piano, immediati e comunicanti tra loro.

Ad esempio, il video management system permette l’integrazione delle immagini che provengono dalle varie telecamere presenti in uno stadio e il trasferimento dei dati acquisiti su un qualsiasi dispositivo mobile.

La diffusione della tecnologia PSIM (Physical Security Information Management)  potrebbe riuscire ad integrare tutti i dispositivi di controllo: dalla sicurezza all’irrigazione del manto erboso, attraverso un’interfaccia unica, consentendo quindi l’accesso anche all’amministrazione pubblica e agli addetti alla sicurezza senza l’utilizzo di hardware aggiuntivi.

Tutto questo potrebbe essere utile anche per il flusso del traffico da veicolare nella zona dello stadio, prevedendo infatti dei centri di comando mobili che ricevano e possano gestire tutti i segnali che arrivano dalla centrale.

Altro ruolo fondamentale per la sicurezza negli stadi è dato dalla videosorveglianza HD: secondo una stima Avigilon è possibile coprire un’area di 50.000 posti con i dettagli dei singoli visi usando solo 14 telecamere.

Oltre agli eventuali scontri tra i tifosi, si potrebbero prevenire anche “strani” movimenti nei corridoi, nei parcheggi, nelle scale e quant’altro.

Più sicurezza e prevenzione in un’unica soluzione.

FONTE: A&S ITALY –febbraio 2013

Ci siamo specializzati nella produzione di sistemi sicurezza ad alta tecnologia. Come possiamo aiutarti?

Premendo il pulsante, accetti la informativa sulla privacy

Altri articoli

Blog

Se il dipendente abusa dei permessi “Legge 104”, lecito ricorrere agli investigatori privati per controllare le condotte extra lavorative

Con l’ordinanza n. 4670/2019, depositata il 18 febbraio 2019, la Corte di cassazione torna a pronunciarsi con decisione sul licenziamento del dipendente che invece di impiegare le ore di permesso “104” nell’assistenza del familiare le dedichi invece ad attività personali, confermando come una simile condotta sia idonea a ledere definitivamente il vincolo fiduciario indispensabile alla

Blog

Il lavoratore può essere controllato da remoto, ma deve essere informato.

La nuova disciplina dei controlli sul lavoro ha segnato una svolta nell’approccio a questa controversa problematica. Da un lato, ha ridimensionato il ruolo delle autorizzazioni sindacali o amministrative, esentando le imprese dal richiederle per installare gli strumenti strettamente finalizzati al lavoro. Dall’altro, ha osato prevedere che le informazioni acquisite tramite strumenti autorizzati o esentati sono

Do You Want To Boost Your Business?

drop us a line and keep in touch

Dove vuoi che ti richiamiamo?

Premendo il pulsante, accetti la
informativa sulla privacy

Grazie, ti richiamiamo al piú presto!

sei invece hai fretta chiamaci al numero: