Analisi forense di immagini e filmati

Analisi forense

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Un’ analisi accurata di immagini e filmati per l’ analisi in tribunale richiede un lavoro professionale e certosino: occorre identificare i dati, decodificarli opportunamente, documentare i procedimenti, confrontarli con altro materiale e saper presentare i risultati finali.

Occorre delineare un processo preciso, non si tratta di una semplice e mera visualizzazione dei materiali multimediali.

Non solo, bisogna tener conto anche dei passaggi precedenti perchè anche una semplice copia deve essere stata eseguita in maniera scientificamente valida.

Per determinare che approccio adottare, occorre definire bene la situazione:

– Trovare i dati utili. Dobbiamo trovare delle immagini in un database di migliaia di fotografie o dobbiamo identificare un evento di interesse in ore e ore di filmato?

– Trovare la sorgente dei dati (image ballistics). Comprendere il tipo di file e il dispositivo con cui esso è stato creato.

– Verificare l’ integrità dei dati. C’è una possibilità che qualcuno li abbia alterati?

– Valutare la qualità dei dati. L’ immagine ha i dettagli che ci servono? L’ immagine ha dei difetti?

– Migliorare i dati, nel caso di problemi o danneggiamenti.

– Analizzare e confrontare i dati.

– Validazione, focalizzata sulla qualità del procedimento utilizzato per ottenere il risultato.

– Illustrare i dati. Non è sufficiente ottenere dei dati utili, ma bisogna anche saperli illustrare alla Corte e alle parti.

Quindi, occorre documentare esaustivamente il lavoro svolto e fare affidamento sull’ esperto scientifico del lavoro.

Affidatevi solo a professionisti!

FONTE: http://asitaly.ethosmedia.it/

Ci siamo specializzati nella produzione di sistemi sicurezza ad alta tecnologia. Come possiamo aiutarti?

Premendo il pulsante, accetti la informativa sulla privacy

Altri articoli

Blog

Se il dipendente abusa dei permessi “Legge 104”, lecito ricorrere agli investigatori privati per controllare le condotte extra lavorative

Con l’ordinanza n. 4670/2019, depositata il 18 febbraio 2019, la Corte di cassazione torna a pronunciarsi con decisione sul licenziamento del dipendente che invece di impiegare le ore di permesso “104” nell’assistenza del familiare le dedichi invece ad attività personali, confermando come una simile condotta sia idonea a ledere definitivamente il vincolo fiduciario indispensabile alla

Blog

Il lavoratore può essere controllato da remoto, ma deve essere informato.

La nuova disciplina dei controlli sul lavoro ha segnato una svolta nell’approccio a questa controversa problematica. Da un lato, ha ridimensionato il ruolo delle autorizzazioni sindacali o amministrative, esentando le imprese dal richiederle per installare gli strumenti strettamente finalizzati al lavoro. Dall’altro, ha osato prevedere che le informazioni acquisite tramite strumenti autorizzati o esentati sono

Do You Want To Boost Your Business?

drop us a line and keep in touch

Dove vuoi che ti richiamiamo?

Premendo il pulsante, accetti la
informativa sulla privacy

Grazie, ti richiamiamo al piú presto!

sei invece hai fretta chiamaci al numero: